Artisti e scienziati alla ricerca de "Il senso della bellezza"

Il documentario è una preziosa fonte per conoscere la realtà del CERN di Ginevra e per entrare in merito agli studi, alle ricerche e alle scoperte compiute dal 1954 (anno della fondazione) a oggi. Come ad esempio il Large Hadron Collider (LHC), un collisionatore di particelle che indaga sul mistero della Natura. In un campo di ricerca dove si ha a che fare con il mondo invisibile della fisica quantistica, gli scienziati devono andare oltre ciò che vedono, o meglio oltre ciò che non riescono a vedere, e affidarsi all’intuito e all’immaginazione, così come si farebbe nella realizzazione di un’opera d’arte.

Organizza ora una proiezione

Il documentario, infatti, crea un parallelo tra arte e scienza e mostra come scienziati del CERN da una parte e artisti contemporanei dall’altra ci guidano nella loro ricerca della verità, tutti in ascolto di un elusivo sesto o settimo senso… la bellezza. “Il senso della bellezza: arte e scienza al CERN”, il documentario di Valerio Jalongo, offre uno spunto nuovo sulla ricerca scientifica. L’immaginazione come punto di congiunzione tra scienza e arte è un tema interessante da sottoporre anche alle nuove generazioni. Il fatto che gli esperimenti di Ginevra non abbiano portato al risultato sperato, non annulla il desiderio di conoscenza e la perseveranza nella ricerca. Mostrare “Il senso della bellezza: arte e scienza al CERN” al maggior numero possibile di persone, soprattutto alle generazioni più giovani, è un modo per aiutare a sviluppare una consapevolezza maggiore sulla ricerca scientifica e sul suo metodo. L’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.
Mentre il nuovo esperimento del CERN procede nella sua esplorazione della misteriosa energia che anima l’universo, scienziati e artisti ci guidano verso quella linea d’ombra in cui scienza e arte, in modi diversi, inseguono verità e bellezza. Tra queste donne e questi uomini alcuni credono in dio, altri credono solo negli esperimenti e nel dubbio. Ma nella loro ricerca della verità, tutti loro sono in ascolto di un elusivo sesto, o settimo, senso… il senso della bellezza.

"Molti anni fa ho letto un frammento di un filosofo greco, Eraclito. “La natura ama nascondersi” diceva. Ma la natura non è forse ciò che è ovunque intorno a noi? Cos’è che ci sfugge? C’è qualcosa di invisibile ai nostri occhi?"

VALERIO JALONGO, REGISTA

Organizza ora una proiezione

Tags: scuole, film scuole, film per le scuole, documentario, ilsensodellabellezza, officineUBU, giornatadellaterra

Il blog di Keaton è una estensione della piattaforma Keaton.
© 2019 Keaton. All right reserved.
T. 02 49543500   |   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Privacy e cookies policy   |   P.IVA 08281650963

Tieniti aggiornato!

Sei un docente o un dirigente scolastico?
REGISTRATI e ricevi tutte le novità di Keaton.

Registrati, tieniti aggiornato